La natura in Russia

Politica ambientale in Russia

Politica ambientale in RussiaLa politica ambientale in Russia è argomento di grande attualità, anche in rapporto alle relazioni internazionali del paese. Nonostante la realizzazione di vari programmi di tutela ambientale (tra cui Il decreto presidenziale n 867 del 17 maggio 2000, che ha ristrutturato agenzie governative russe coinvolte nella tutela dell'ambiente), la situazione ecologica in Russia rimane ancora deludente: l'inquinamento ambientale è strutturalmente elevato e la coscienza comune non è  informata e comunque impreparata a fronteggiare il problema. Mali ambientali sviluppatisi per anni e anni sono stati ulteriormente aggravati da avvenimenti noti anche al mondo internazionale, è il caso per esempio delle enormi conseguenze derivanti, in tutta la regione, dal disastro nucleare di Chernobyl (area oggi appartenente all'Ucraina).

In decine di città russe il livello medio di inquinamento annuo supera i livelli previsti dalle norme sanitarie. Nei bacini artificiali la qualità d'acqua potabile è spesso non conforme alle normative vigenti. La produttività del suolo è in calo, mentre l'erosione dello stesso è in aumento in tutto il paese. Strisce di bosco che proteggono i campi e i corsi d'acqua stanno diminuendo, e specie rare di flora e fauna sono in via di estinzione.

A seguito della catastrofe nucleare di cui sopra e di altre perdite di materiale radioattivo, numerose aree della nazione sono caratterizzate da un livello pericoloso di contaminazione. Lo stesso smantellamento di sommergibili nucleari, di sistemi missilistici e del loro combustibile, per esempio, o anche solo degli arsenali chimici, rappresentano un rischio inaccettabile per le persone e per gli eco-sistemi ambientali. Il problema del trattamento dei rifiuti resta tuttora irrisolto, soprattutto se si considera l'importazione di rifiuti pericolosi dai paesi esteri. Inoltre, la Russia importa anche prodotti alimentari di bassa qualità e acquista beni di scarsa qualità in materia  di classe energetica.

Lo stesso Putin, in una recente conferenza sul tema ambientale e sulla situazione del Lago Baikal, afferma il grande stress subito dagli ecosistemi del territorio, soprattutto in aree di grandi dimensione. Lo stesso Primo Ministro annuncia una serie di programmi ambientali come strategia chiave per combattere l'inquinamento e altri seri problemi: tra cui un programma a lungo termine (fino al 2020) sul Concetto di sviluppo e diverse linee guida per l'azione del governo fino al 2012. Si tratta di migliorare le leggi esistenti, le misure per ridurre i rifiuti industriali, lo sviluppo del riciclaggio dei rifiuti e il rilancio di aree in precedenza inquinate.

Articoli più letti

Voli economici per la Russia seleziona il tuo aeroporto di partenza dall'Italia o dall'estero e scegli tra decine di compagnie, tra cui Ryanair, Easyjet e tante altre e vola con prezzi super convenienti. Risparmia fino al 50%...