Approfondimenti

Religioni della Russia

Religioni della RussiaLa religione svolge un ruolo di primo piano nella vita pubblica e spirituale della Russia di oggi. La maggior parte dei credenti appartiene alla fede cristiana-ortodossa. Il cristianesimo venne adottato nell'anno 988 con il principe Vladimir di Kiev, in una cerimonia modellata su riti bizantini, ponendo le basi per la nascita della Chiesa ortodossa russa.

Nel 1448, il Consiglio del clero russo più elevato proclamò il vescovo di Iona Rjazan alla cattedra di Metropolita di Mosca e di tutte le Russie, indipendentemente da Costantinopoli, rendendo autocefala la Chiesa ortodossa russa (andava così a nascere lo status di una chiesa il cui capo non riconosceva alcuna autorità religiosa al di sopra di sé). Il trono patriarcale a Mosca è stato istituito il 26 gennaio 1589, con il primo patriarca russo, Tova.

Il patriarcato è sopravvissuto in Russia fino all'avvento di Pietro il Grande, quando costui nel 1718, introdusse il controllo collettivo della Chiesa russa. Nel 1917, il Consiglio locale della Chiesa Ortodossa Russa adottò una risoluzione che restaurava la regola patriarcale. Con la Rivoluzione del 1917 la Chiesa ortodossa russa venne segnata da una strada difficile e tragica. Con il decreto sulla Proprietà del 26 ottobre 1917, la Chiesa venne privata di parte delle sue terre. I più colpiti furono i monasteri. Con il successivo decreto del 26 gennaio 1918, il Consiglio dei Commissari del Popolo (il governo) separò la Chiesa dallo Stato e dalla scuola. Come risultato, tutte le organizzazioni della Chiesa persero i poteri propri di un soggetto giuridico e il conseguente diritto di proprietà.

Nella Russia di oggi, esistono quasi 5000 associazioni religiose di fede ortodossa. Le altre fedi presenti in Russia si concentrano in quella musulmana, con circa 3000 associazioni, Battisti ( 450), Avventisti del Settimo Giorno (120), Evangelici (120), Vecchi Credenti (oltre 200), i Cattolici romani (200), fedeli di Krishna (68), Buddisti (con 80 associazioni), Ebrei (50), e Luterani evangelici unificati (39). Molte chiese e monasteri sono stati restituiti alla Chiesa, tra cui il Monastero di San Daniele, l'attuale sede del Patriarcato di Mosca, il centro spirituale e amministrativo della Chiesa ortodossa russa.

I protestanti in Russia sono circa 2 milioni, organizzati in 1150 comunità. I 19 milioni di musulmani, contano come la seconda comunità religiosa più grande della nazione, con più di 800 tra comunità e moschee, soprattutto nelle regioni del Bashkortostan, Daghestan, Kabarda-Balkaria, Ossezia del Nord, Tatarstan, Inguscezia e Cecenia. Il consiglio musulmano regionale dell'Europa centrale è stato ristabilito. Il Muftiyat Mosca, un organismo religioso indipendente è responsabile di Mosca, Vladimir, Ivanovo, Kostroma, Tula, Tver, Nizhny Novgorod, Kaluga, Yaroslavl e le regioni di Kaliningrado e Sochi, la rinomata località balneare nel Territorio di Krasnodar.

Il buddismo è diffuso nelle regione della Buriazia, Calmucchia, Tuva e in quelle di Irkutsk e Chits. La Federazione russa ha attualmente dieci monasteri Datsan, con un totale del corpo monastico di quasi 200. Un'altra decina di monasteri sono in costruzione. La Federazione russa ha 42 comunità ebraiche. A Mosca troviamo oltre il 10 % di ebrei russi, con 3 sinagoghe, tra cui la la grande Hasidic.


Articoli più letti

Voli economici per la Russia seleziona il tuo aeroporto di partenza dall'Italia o dall'estero e scegli tra decine di compagnie, tra cui Ryanair, Easyjet e tante altre e vola con prezzi super convenienti. Risparmia fino al 50%...